Teodora Imperatrice Di Bisanzio Book PDF, EPUB Download & Read Online Free

Teodora

Teodora

Author: Charles Diehl
Publisher: LIT EDIZIONI
ISBN: 8869441768
Pages: 192
Year: 2015-01-28T00:00:00+01:00
La storia della danzatrice che sale al soglio imperiale ha stimolato, nei secoli, la fantasia del popolo e ha consegnato Teodora di Bisanzio a una dubbia immortalità. Una vita sospesa tra diceria e leggenda, basata soprattutto sul libello di Procopio contro la famiglia imperiale, che non rende giustizia alla complessità di questa protagonista del mondo tardo-antico. Pubblicata nel 1904, la fondamentale biografia di Charles Diehl racconta una Teodora diversa. Autocrate e mistica, astuta seduttrice e paladina della religione, solidale con le altre donne e pronta all’intrigo, la sposa di Giustiniano svolse un ruolo decisivo nella politica dell’Impero d’Oriente. Dall’intreccio delle fonti, bilanciando aneddoto e rigorosa ricostruzione sociale, emerge una donna misteriosa, «strano miscuglio di bene e male», che dopo aver segnato la sua epoca continua a esercitare il suo fascino ambiguo.
Teodora, imperatrice di Bisanzio

Teodora, imperatrice di Bisanzio

Author: Italo Fiorentino
Publisher:
ISBN:
Pages: 259
Year: 1927

Theodora, Empress of Byzantium

Theodora, Empress of Byzantium

Author: Charles Diehl
Publisher: Burns & Oates
ISBN:
Pages: 204
Year: 1972

Theodora

Theodora

Author: Paolo Cesaretti
Publisher: Abrams
ISBN: 0865652805
Pages: 400
Year: 2012-02-01
This book is a gripping, long-overdue biography of one of the most intriguing and powerful female figures of Western history: Theodora of Byzantium. Ruthlessly criticized and reviled by her contemporaries, Theodora, the beautiful wife of Emperor Justinian, began her life as the daughter of a bear-keeper and rose to be Justinian's partner in politics as well as in life, ruling from 527 to 548. She stood by his side in Constantinople as he built a ôsecond Rome,ö waging battles against the Goths and Vandals, quelling nationalist unrest in Egypt, and suppressing a rebellion at their doorstep by mercilessly slaughtering 30,000 in Constantinople's stadium. Theodora's political savvy saved Justinian's empire time and time again. When the European editions of Theodora were published, it was hailed as the ôBook of the Year.ö Author Paolo Cesaretti received the Ginzano Cavour Prize for sifting through a vast range of documentary material to deliver a richly entertaining story of an ambitious and cunning woman who defied the conventions of her time and triumphed over those who sought to defame and destroy her.
The Epic Film

The Epic Film

Author: Derek Elley
Publisher: Routledge
ISBN: 1317928873
Pages: 248
Year: 2013-12-04
As Charlton Heston put it: ‘There’s a temptingly simple definition of the epic film: it’s the easiest kind of picture to make badly.’ This book goes beyond that definition to show how the film epic has taken up one of the most ancient art-forms and propelled it into the modern world, covered in twentieth-century ambitions, anxieties, hopes and fantasies. This survey of historical epic films dealing with periods up to the end of the Dark Ages looks at epic form and discusses the films by historical period, showing how the cinema reworks history for the changing needs of its audience, much as the ancient mythographers did. The form’s main aim has always been to entertain, and Derek Elley reminds us of the glee with which many epic films have worn their label, and of the sheer fun of the genre. He shows the many levels on which these films can work, from the most popular to the specialist, each providing a considerable source of enjoyment. For instance, spectacle, the genre’s most characteristic trademark, is merely the cinema’s own transformation of the literary epic’s taste for the grandiose. Dramatically it can serve many purposes: as a resolution of personal tensions (the chariot race in Ben-Hur), of monotheism vs idolatry (Solomon and Sheba), or of the triumph of a religious code (The Ten Commandments). Although to many people Epic equals Hollywood, throughout the book Elley stresses debt to the Italian epics, which often explored areas of history with which Hollywood could never have found sympathy. Originally published 1984.
Riccardo Freda

Riccardo Freda

Author: Roberto Curti
Publisher: McFarland
ISBN: 1476628386
Pages: 376
Year: 2017-03-13
In an eclectic career spanning four decades, Italian director Riccardo Freda (1909–1999) produced films of remarkable technical skill and powerful visual style, including the swashbuckler Black Eagle (1946), an adaptation of Les Miserables (1947), the peplum Theodora, Slave Empress (1954) and a number of cult-favorite Gothic and horror films such as I Vampiri (1957), The Horrible Dr. Hichcock (1962) and The Ghost (1963). Freda was first championed in the 1960s by French critics who labeled him “the European Raoul Walsh,” and enjoyed growing critical esteem over the years. This book covers his life and career for the first time in English, with detailed analyses of his films and exclusive interviews with his collaborators and family.
Teodora. Ascesa di un'imperatrice

Teodora. Ascesa di un'imperatrice

Author: Paolo Cesaretti
Publisher:
ISBN: 8804513373
Pages: 340
Year: 2003

The Illustrated Guide to Film Directors

The Illustrated Guide to Film Directors

Author: David Quinlan
Publisher: Rowman & Littlefield
ISBN: 0389204080
Pages: 335
Year: 1983
To find more information about Rowman and Littlefield titles, please visit www.rowmanlittlefield.com.
Seduction and Power

Seduction and Power

Author: Silke Knippschild, Marta Garcia Morcillo
Publisher: A&C Black
ISBN: 1441190651
Pages: 312
Year: 2013-08-15
This volume focuses on the reception of antiquity in the performing and visual arts from the Renaissance to the twenty-first century. It explores the tensions and relations of gender, sexuality, eroticism and power in reception. Such universal themes dictated plots and characters of myth and drama, but also served to portray historical figures, events and places from Classical history. Their changing reception and reinterpretation across time has created stereotypes, models of virtue or immoral conduct, that blend the original features from the ancient world with a diverse range of visual and performing arts of the modern era. The volume deconstructs these traditions and shows how arts of different periods interlink to form and transmit these images to modern audiences and viewers. Drawing on contributions from across Europe and the United States, a trademark of the book is the inclusive treatment of all the arts beyond the traditional limits of academic disciplines.
Il Leone di Damasco

Il Leone di Damasco

Author: Emilio Salgari
Publisher: eBook Free
ISBN:
Pages: 458
Year: 2014-10-12
Proseguono le avventure di Capitan Tempesta, la bella e intrepida veneziana, acerrima nemica dei Turchi.
Il Sotteraneo della Morte

Il Sotteraneo della Morte

Author: Emilio Salgari
Publisher: eBook Free
ISBN:
Pages: 325
Year: 2014-10-12
La vicenda si svolge in Cina dal giugno 1900, periodo in cui è in atto la Rivolta dei boxer. 1. Le rovine di Khang-hi. Il mandarino Ping-Ciao e il manciù Sum, ufficiale della guardia imperiale, si recano alle rovine di Khang-hi, dove si svolgerà una riunione del Giglio azzurro, società segreta che appoggia il movimento dei boxer, che vogliono distruggere gli occidentali e scacciare dalla Cina cristiani ed europei. Ping-Ciao odia in particolare un prete, il missionario padre Giorgio, che accusa di avere convertito al cattolicesimo suo figlio Wang. 2. Il capo del Giglio azzurro. Alla riunione assiste anche il quindicenne Sheng, guardiano delle rovine. Egli però è anche al servizio del diciottenne Enrico Muscardo, figlio dell'imprenditore ed ex bersagliere Roberto, fratello di padre Giorgio, in Cina per affari al seguito del missionario. Sheng corre ad avvertire Enrico che un imminente pericolo minaccia lui e la sua famiglia. 3. Il missionario. Sheng ed Enrico giungono a Ming, piccolo villaggio roccaforte del cattolicesimo, ed avvertono del pericolo anche padre Giorgio. Roberto è fuori dal villaggio: si è recato a radunare alcuni operai. 4. La strage. Un numeroso gruppo di boxer, composto da cinesi feroci ma malvestiti e male armati, comandato da Ping-Ciao, che vuole catturare vivo padre Giorgio per torturarlo, fa irruzione nel villaggio, uccide molti abitanti e mette a fuoco le case. Padre Giorgio, Enrico, Sheng e pochi cinesi riescono a resistere barricati finché odono il ritorno di Roberto. 5. Il mandarino prigioniero. Roberto torna con alcuni operai italiani e un gruppo di cinesi: sono ben armati e riescono a mettere in fuga i boxer. Catturano casualmente Ping-Ciao, che prima di essere riconosciuto finge di essere a sua volta vittima dei boxer. Padre Giorgio, però, in nome degli insegnamenti del cristianesimo, decide di perdonarlo e lasciarlo libero. 6. L'agguato. Gli scampati alla strage fuggono dal villaggio per raggiungere il Canale Imperiale, sul quale intendono fuggire a bordo di alcune giunche. I boxer tendono loro un agguato, ma Roberto, forte della sua esperienza di bersagliere, organizza brillantemente la resistenza e giungono infine ad un fiume. 7. Il traditore. Prima che riescano a salire sulle barche sono ancora assaliti dai boxer, che uccidono tutti i cinesi del gruppo. Con gli occidentali resta il solo Sheng, a bordo di una sola barca. Fanno una sosta presso una casa abbandonata per procurarsi cibo (qui liberano un pazzo tenuto in una gabbia secondo l'uso cinese), poi si fermano per la notte sull'isolotto di un pescatore, che dapprima è diffidente, poi offre loro ospitalità. 8. Il fiume di fuoco. Ma il pescatore li tradisce: di notte, avverte i boxer, che, guidati ancora da Ping-Ciao, cercano di catturare i fuggitivi appiccando il fuoco alla vegetazione alle rive del fiume. Roberto Muscardo si avvede in tempo del pericolo, e riprendono la fuga riuscendo finalmente a raggiungere la giunca con la quale sperano di continuare la fuga con più tranquillità. 9. Sul Canale Imperiale. Con la giunca di Men-li, vecchio cinese convertito, cominciano a navigare verso Tientsin, dove sperano di trovare le truppe occidentali venute a combattere i boxer che stringono d'assedio a Pechino, senza che l'imperatrice riesca a contrastarli, le legazioni straniere. Lungo il Canale Imperiale incontrano barche messe a guardia da Ping-Ciao; Men-li finge di essere anch'egli al servizio del mandarino e inganna le guardie, ma poco dopo sentono approssimarsi altre barche dei boxer e non hanno altra scelta che affondare la giunca e rifugiarsi in una palude vicina. 10. La laguna della morte. Attraversano una putrida palude, detta "della morte" per le cattive esalazioni delle acque, e trovano riparo in un tempio buddistaabbandonato. Poco dopo sentono in lontananza i latrati del cane di Men-li, che il vecchio aveva abbandonato sulla giunca per non avere intralci nella fuga, e temono che li abbia seguiti aiutando i boxer a trovarli. 11. Il cane del pescatore. E infatti è proprio così: i boxer, sempre comandati da Ping-Ciao e da Sum, che odia gli europei perché uno di essi ha ucciso suo fratello, si sono fatti guidare dal cane, che poi hanno ucciso, e si apprestano ad assaltare il tempio. 12. La vittoria dei banditi. I boxer irrompono nel tempio e, nonostante la strenua difesa degli assediati, hanno la meglio: tutti rimangono uccisi, tranne Sheng, Enrico, Roberto e padre Giorgio, che Ping-Ciao fa catturare vivi per poterli torturare. 13. Il campo di Palikao. I prigionieri vengono condotti a Palikao, nel settentrione, ove si trova un grande campo di boxer. Sono chiusi in gabbie, tranne Roberto, che viene imprigionato in un pesante asse di legno detto kangue che gli stringe testa e polsi. Durante il cammino possono vedere Pechino in fiamme, in preda alla rivolta dei boxer. A Palikao, vengono condotti nel cosiddetto "campo della giustizia", in cui i cristiani vengono sottoposti ad orribili torture. 14. Il supplizio di pettini. Padre Giorgio è condannato al "supplizio di pettini" (che consiste nel far ondeggiare con una fune il condannato tra due file di denti aguzzi), ma prima che il supplizio cominci Ping-Ciao lo ferma. Egli vuole sapere dove si trova il figlio Wang, che non vede da quando si è convertito: gli dicono che è a Pechino (in realtà da due anni padre Giorgio non ha sue notizie), e Ping-Ciao decide che condurrà padre Giorgio a Pechino per cercare Wang. Gli altri resteranno al campo, dove, però, operano segretamente delle società, (la Croce gialla e la Croce di Pei-ho), che si occupano di mettere in fuga i cristiani prigionieri o di attenuare le loro sofferenze. 15. La fuga. Padre Giorgio parte con Ping-Ciao per Pechino. Gli altri riescono a liberarsi grazie al capo della Croce gialla che dà loro coltelli e intontisce le guardie con l'oppio. Poi vengono liberati anche dodici cinesi cristiani condannati a morire di fame. Ottenuti cavalli e abiti, si dirigono verso Pechino: fingono di essere boxer che hanno catturato dei cristiani, e riescono ad entrare in città, sconvolta dalla rivolta. 16. Gli orrori di Pechino. A Pechino prendono possesso di una ricca casa abbandonata, poi il giorno successivo si mettono in contatto con il gruppo locale dellaCroce gialla, il cui capo propone di far rientrare Wang dalla Mongolia, dove sa che è rifugiato, e di intraprendere qualche iniziativa nei quattro o cinque giorni che saranno necessari per il suo arrivo. Roberto ed Enrico hanno modo di vedere come Pechino, e in particolare le legazioni straniere, sono messe in pericolo dalla rivolta. 17. La caccia al mandarino. Approfittando del fatto che Ping-Ciao e Sum, in quanto contemporaneamente rappresentanti imperiali e alleati dei boxer, girano per la città, si decide di tendere loro un agguato nella casa di Ping-Ciao nella zona chiamata "mongola" di Pechino, destinata a stranieri e cinesi normali (mentre padre Giorgio è prigioniero nell'inespugnabile zona imperiale, detta città "tartara"): Sum viene catturato, ma Ping-Ciao riesce a fuggire. 18. La confessione di Sum. Sum, minacciato di morte, rivela che padre Giorgio è prigioniero in un sotterraneo della casa di Ping-Ciao, e che il giorno dopo le porte della città tartara saranno aperte, perché l'imperatrice è stata destituita dall'usurpatore Tuan, che riceverà i capi dei rivoltosi boxer per accordarsi con loro. Il capo della Croce gialla costringe Sum a firmare un lasciapassare, col quale Roberto, Enrico e quelli della setta entreranno nella città tartara per cercare di liberare padre Giorgio. 19. La prigione nera. Roberto, Enrico (sotto vesti cinesi) e gli affiliati della Croce gialla entrano nella città tartara e trovano la casa di Ping-Ciao, vi sono solo servi perché il padrone è impegnato nelle riunioni con i capi boxer. Fanno irruzione e costringono i servi a rivelare dove è nascosto padre Giorgio: egli si trova in un "carcere nero", un pozzo mezzo pieno di immondizie dove i condannati vengono calati e quasi lasciati morire di fame. Riescono a tirare fuori padre Giorgio ma è troppo tardi: appena estratto, il missionario, provato dalla fame e dalla prigionia, muore. In quel momento si ode giungere la guardia imperiale. 20. Rinchiusi nel sotterraneo. Ping-Ciao, avvertito della cattura di Sum, è accorso alla sua casa per accertarsi delle sorti del missionario: lo trova morto tra le braccia del fratello. Roberto, Enrico e gli affiliati della Croce gialla rimangono intrappolati nel sotterraneo dove si trovava il pozzo prigione di padre Giorgio: Ping-Ciao, che ormai dispera di riuscire a sapere dove si trova il figlio Wang, decide di eliminarli facendoli annegare. 21. La vendetta del gigante. Gli imprigionati tentano una disperata sortita, ma sono catturati. Il capo della Croce gialla, un uomo di statura gigantesca, riesce a nascondersi, esce all'improvviso, ferisce mortalmente Ping-Ciao e fugge. Gli altri stanno per essere fucilati, ma in quel momento giunge Wang: Ping-Ciao gli chiede perdono per avere ucciso padre Giorgio, ordina che Roberto, Enrico e gli altri non vengano fucilati, poi muore. Epilogo. Wang riesce a portare in salvo Roberto ed Enrico, evitando che finiscano vittime della rivolta che ancora impazza, così i due, con Sheng che li ha sempre seguiti fedelmente, possono imbarcarsi su una delle navi italiane giunte con le truppe occidentali per cercare di soffocare la rivolta dei boxer. (Fonte Wikipedia)
Alla Conquista della Luna

Alla Conquista della Luna

Author: Emilio Salgari
Publisher: eBook Free
ISBN:
Pages: 149
Year: 2014-10-12
Alla conquista della luna è un breve racconto di Emilio Salgari che narra di un tentativo di raggiungere il lontano satellite terrestre.
La Città dell'Oro

La Città dell'Oro

Author: Emilio Salgari
Publisher: eBook Free
ISBN:
Pages: 278
Year:
Una esotica avventura
Il Corsaro Nero

Il Corsaro Nero

Author: Emilio Salgari
Publisher: eBook Free
ISBN:
Pages: 267
Year: 2014-10-12
Metà del Seicento: Inghilterra e Francia combattono contro la potenza degli spagnoli e iniziano ad inviare navi corsare in scorribanda per l'Oceano per combattere quelle nemiche e danneggiare così il commercio delle loro colonie e nel1625 due navi, con a bordo i primi corsari, gettano l'ancora davanti all'isola di San Cristoforo e vi si stabiliscono. Ma una nave spagnola distrugge dopo cinque anni la loro base e i pochi che riescono a sopravvivere trovano un rifugio all'isola della Tortuga facendone la base di partenza per tutte le loro spedizioni. Gli abitanti di Santo Domingo però, vedendo che il loro commercio è in pericolo, dopo un attacco riescono a sconfiggerli e ad allontanarli. Un giorno però, i bucanieri e i filibustieri riescono a far ritorno all'isola. Arriva intanto alla Tortuga un nobile italiano circondato dal mistero, un certo Emilio signore di Ventimiglia, Valpenta e Roccabruna. Durante un assedio in Europa, durante la guerra fra Francia e Spagna, gli spagnoli tagliata la ritirata comprano un duca fiammingo, Van Guld, ordinandogli di tradire i superstiti italo-francesi rifugiatisi in una rocca. Riesce nel suo malvagio piano, ma uccide il fratello maggiore di Emilio, che, dopo essersi miracolosamente salvato dalla carneficina degli Spagnoli, per vendicarsi lo insegue nei Caraibi dove lui e i suoi due fratelli diventano il Corsaro Nero, Rosso e Verde(nero). Il romanzo ha inizio quando due filibustieri, Carmaux e Van Stiller, vengono ripescati dalla "Folgore", nave filibustiera appartenente a Emilio di Roccabruna, conte di Valpenta e di Ventimiglia, conosciuto come il Corsaro Nero. Una volta a bordo, i due raccontano al terribile comandante che suo fratello, Enrico di Ventimiglia conosciuto come il Corsaro Rosso era stato impiccato nella piazza di Maracaibo per ordine di Van Guld, governatore della città. Emilio decide così di recarsi a Maracaibo per sottrarre il cadavere del fratello e, reclutati Carmaux e Van Stiller, affida il comando della nave a Morgan, suo luogotenente. Dopo aver catturato una guardia spagnola e guadagnato l'aiuto di Moko, un africano eremita, i filibustieri giungono aMaracaibo. Dopo numerose avventure il Corsaro riesce a rapire la salma del fratello e a rimbarcarsi sulla Folgoredove, dopo aver celebrato il funerale del fratello, giura solennemente che sterminerà Van Guld e tutta la sua famiglia. Sulla strada del ritorno per la Tortuga, i filibustieri assaltano una nave spagnola che trasporta una bionda fanciulla che si fa chiamare Honorata Willerman, duchessa di Weltrendrem, di cui Emilio si innamora, ricambiato. Dopo essersi imbattuti in un terribile uragano la nave giunge finalmente alla Tortuga. Qui il racconto s'interrompe e l'autore introduce una parentesi storica, citando le imprese di grandi filibustieri realmente esistiti e spiegando cosa siano la filibusteria e la bucaneria. Ha poi inizio il racconto della spedizione per assalire Maracaibo. La caccia di Emilio lo porta, insieme a Carmaux, Wan Stiller, Moko e il soldato che avevano catturato poco tempo prima, promosso a guida del drappello, nella foresta vergine. Lì il gruppo incontrerà coguari e puzzole, vampiri, sabbie mobili e antropofagi. Giunti quasi alla meta, il soldato e Moko si fermano, mentre i tre filibustieri proseguono la caccia. Seguirà uno scontro contro le forze di Van Guld e l'assalto a Gibraltar. Finite queste avventure pericolose, il Corsaro scoprirà che Honorata è in realtà la figlia di Van Guld e, combattuto tra onore e amore, farà imbarcare la giovane su una scialuppa e l'abbandonerà in mare con enorme dolore. Il romanzo si conclude con Carmaux che dice al suo amico Wan Stiller: «Guarda lassù! Il Corsaro Nero piange».
Donne di cuori

Donne di cuori

Author: Bruno Vespa
Publisher: Edizioni Mondadori
ISBN: 8852012419
Pages: 564
Year: 2010-10-07
Giulio Cesare e Silvio Berlusconi, Elena di Troia e Patrizia D'Addario, Cleopatra e Carla Bruni... Sono centinaia i protagonisti di questo sorprendente libro di Bruno Vespa...